• Nel Vangelo di oggi, Gesù propone come modello il samaritano, che amando il fratello come sé stesso, dimostra di amare Dio con tutto il cuore ed esprime nello stesso tempo vera religiosità e piena umanità.

  • Parrocchia S.Agata

    Benvenuto nel nostro sito!

  • 350° anniversario del Crocifisso di Fra Vincenzo, 1669-2019

    Apertura dell'anno 14 gennaio 2019
  • Consulta le nostre rubriche

    La nostra comunità web!

  • particolare del campanile del XIII° sec.

    Vuoi conoscere la storia della tua Chiesa?

  • un anno pieno di iniziative e novità

    1669 - 2019

    350° anniversario del Crocifisso
Chi siamo...in breve

Al servizio del dono di Cristo: chiamati a donare ciò che abbiamo ricevuto!

Il nostro sito si è rinnovato nella grafica e snellito nei contenuti, in particolare abbiamo spostato il nostro archivio fotografico sul nostro profilo di Google Plus. Le nostre rubriche di storia, riflessione ed in generale tutta la struttura è stata resa più moderna, semplice e fruibile. Buona navigazione 3.0!

Riflessione sul Vangelo del giorno di don Luigi M. Epicoco

“Tommaso, uno dei Dodici, chiamato Dìdimo, non era con loro quando venne Gesù. Gli dissero allora gli altri discepoli: «Abbiamo visto il Signore!»”. Ascolto nelle confidenze della gente, discorsi che molto spesso si somigliano. Spesso qualcuno mi dice: “padre mi sento un pesce fuor d’acqua in comunità, perché mi sembra che gli altri facciano un’esperienza di Cristo che io non faccio. Ad esempio io non sento le stesse cose che sentono loro quando pregano. A me il vangelo non fa lo stesso effetto. L’Eucarestia è per me un dovere e non riesco a sentirlo un aiuto nelle mie giornate”. È così che cresce nel cuore di queste persone un senso di incomprensione, di diversità, il peso di non essere come gli altri. È la sindrome di Tommaso, che prima di essere venduto come colui che dubita è innanzitutto colui che “non era con loro”. La verità è che tutti abbiamo un Tommaso dentro. Tutti se ci guardiamo a partire sempre dalla messa in paragone con gli altri ci sembra di essere strani, diversi, tagliati fuori. Ecco perché la richiesta di Tommaso non è assurda, ma è comprensibile: “Ma egli disse loro: «Se non vedo nelle sue mani il segno dei chiodi e non metto il dito nel posto dei chiodi e non metto la mia mano nel suo costato, non crederò»”. Tutti hanno diritto a volere fare della fede un’esperienza diretta e non una mera fiducia nel racconto degli altri. Ma Gesù guarisce la parte malata di questa pretesa giusta: “Venne Gesù, a porte chiuse, si fermò in mezzo a loro e disse: «Pace a voi!». Poi disse a Tommaso: «Metti qua il tuo dito e guarda le mie mani; stendi la tua mano, e mettila nel mio costato; e non essere più incredulo ma credente!»”. La cosa di cui Tommaso deve convincersi è che la verità di qualcosa, la verità di un rapporto, non è tale solo quando e se lo sentiamo. È tale anche quando non lo sentiamo, perché in fondo sappiamo che è vero. Avere il dono della fede non significa semplicemente “toccare” il costato di Gesù, ma sapere in fondo che Lui è reale anche quando non abbiamo nessun aiuto sensibile che ci dica che è così. (Gv 20,24-29)

Sezioni

Le nostre Rubriche

News

Resta aggiornato sulle attività parrocchiali consultando il nostro Blog, seguici!!

Domenica 14 luglio: S.Messa all'altare del Crocifisso

Avvisi
Gli appuntamenti per la settimana
  • Lunedì

    8 luglio 2019
  • Martedì

    9 luglio 2019
  • Mercoledì

    10 luglio 2019
  • Giovedì

    11 luglio 2019
    alle 20.30 prove di canto
  • Venerdì

    12 luglio 2019
    alle 18.15 coroncina alla Divina Misericordia e Via Crucis - Festa conclusiva del Gr.Est.
  • Sabato

    13 luglio 2019
  • Domenica

    14 luglio 2019