5 Febbraio: Festa liturgica di Sant'Agata

 

SANCTÆ AGATHÆ
Virg.et Mart.

 INTRÓITUS Ps. 44, 2
Gaudeamus omnes in Domino,
diem festum celebrantes sub
honoræ beatæ Agathæ Virginis et Martyris:
de cuius passione gaudent Angeli,
et collaudant Filium Dei.

 

 

Sal. Eructavit cor meum verbum bonum :
dico ego opera mea Regi
V/. Glória Patri.

per ulteriori info vai alla pagina


ORÁTIO
Deus, qui inter cétera poténtiæ tuæ miracula étiam
in sexu fragili victoriam martyrii contulisti:
concede propitius; ut, qui beatæ Agathæ Virginis et
Martyris tuæ natalicia colimus, per eius ad te
exémpla gradiamur.

Per Dominum nostrum Iesum Christum,
Filium tuum.


Dal «Discorso su sant'Agata» di san Metodio Siculo, vescovo.

 

 

volto-santa-agata-ferentino.jpgLa commemorazione annuale di sant'Agata ci ha qui radunati perché rendessimo onore a una martire, che è sì antica, ma anche di oggi. Sembra infatti che anche oggi vinca il suo combattimento perché tutti i giorni viene come coronata e decorata di manifestazioni della grazia divina.

Sant'Agata è nata dal Verbo del Dio immortale e dall’unico suo Figlio, morto come uomo per noi.
Dice infatti san Giovanni: «A quanti lo hanno accolto ha dato il potere di diventare figli di Dio» (Gv 1, 12).
Agata, la nostra santa, che ci ha invitati al religioso banchetto, è la sposa di Cristo.
E' la vergine che ha imporporato le sue labbra del sangue dell’Agnello e ha nutrito il suo spirito con la meditazione sulla morte del suo amante divino.
La stola della santa porta i colori del sangue di Cristo, ma anche quelli della verginità.
 
Quella di sant'Agata, così, diviene una testimonianza di una eloquenza inesauribile per tutte le generazioni seguenti.
Sant’Agata è veramente buona, perché essendo di Dio, si trova dalla parte del suo Sposo per ren­derci partecipi di quel bene, di cui il suo nome porta il valore e il significato: Agata (cioè buona) a noi data in dono dalla stessa sorgente della bontà, Dio.
Infatti cos'è più benefico del sommo bene? E chi potrebbe trovare qualcosa degno di essere maggiormente celebrato con lodi del bene?
Ora Agata significa «Buona».

La sua bontà corrisponde così bene al nome e alla realtà. Agata, che per le sue magnifiche gesta porta un glorioso nome e nello stesso nome ci fa vedere le gloriose gesta da lei compiute.
Agata, ci attrae persino con il proprio nome, perché tutti volentieri le vadano incontro ed è di insegnamento con il suo esempio, perché tutti, senza sosta, gareggino fra di loro per conseguire il vero bene, che è Dio solo.

Mercoledì, 25 Luglio 2012 Posted in Feste proprie