• Home
  • Rubriche
  • Santi
  • Commemorazione dei fedeli defunti

Commemorazione dei fedeli defunti

crocifissione-quadro«Oggi ci dai la gioia di contemplare la santa Gerusalemme che è nostra madre, dove l'assemblea festosa dei nostri fratelli glorifica in eterno il tuo nome» (Prefazio). Come in un bassorilievo antico i volti dei santi in Paradiso guardano in un'unica direzione. Sono rapiti da una corrente d'amore che cattura i loro sguardi a formare l'unica Chiesa che ha un cuor solo e un'anima sola. L'originaria corrente d'amore trinitaria non si vede, protetta dalla nuvola dorata che l'amore di Dio ha innalzato ad impedire che la creatura svanisca di fronte alla sua onnipotenza. Il loro sguardo è diretto verso il centro dove si erge la figura dell'Agnello che ancora reca le cicatrici del supplizio. Sono segni trasfigurati. Le ferite dei chiodi e della lancia hanno lasciato il posto alle stigmate del martirio, testimonianza di un amore eterno che non viene mai meno e sempre pulsa a conquistare il cuore degli uomini. A quella vista anche i volti dei fedeli in contemplazione sono trasfigurati. Risplendono sul loro volto le beatitudini da Gesù proclamate sul monte. I poveri di spirito si sentono a casa. I volti rigati dalle lacrime sono asciutti. Sono appagati gli sguardi di coloro che hanno percorso la vita alla ricerca della giustizia. I miti, i misericordiosi, i puri di cuore, gli operatori di pace, i perseguitati, i martiri, sono protetti dal manto della misericordia di Dio. Splendenti di luce, i beati leggono nel cuore degli uomini, sanno delle loro paure e dei loro affanni e tengono viva la comunione tra cielo e terra. La festa dei santi è speranza per i cristiani e per gli uomini che Dio ama.

© avvenire.it

Stampa Email