Balbina di Assisi

Di sante di nome Balbina ne abbiamo quattro, la più famosa delle quali è la martire romana sepolta - si dice - sulla via Appia. Costei era figlia di Quirino, martire pure lui, ed era stata decapitata al tempo dell’imperatore Adriano. Molto probabilmente si trattava di una patrizia che aveva donato ai cristiani il terreno per due cimiteri situati tra la via Appia e la via Ardeatina. Secondo la tradizione, si era ammalata gravemente e il padre aveva chiesto preghiere al papa Alessandro, in quel momento in carcere. Quirino non era cristiano, né lo era sua figlia. Ma aveva sentito dire che il capo dei cristiani faceva miracoli. Balbina venne effettivamente guarita e Quirino chiese il battesimo per sé e la sua casa. Il nome della martire fu, quindi, imposto a molte neonate nei secoli cristiani. Una delle quattro Balbine che abbiamo menzionato all’inizio era una delle compagne di s. Orsola, le vergini uccise dagli Unni il cui numero è incerto. Le altre due Balbine sono ambedue «di Assisi» e contemporanee tra loro. Quella che ci interessa oggi era una discepola di s. Chiara e fu suora ad Assisi. La fondatrice delle clarisse le chiese di aprire un altro convento a Spello insieme alla b. Pacifica. Questa Balbina morì nel 1240.
© www.rinocammilleri.com

Stampa Email