Ardone

Nato nell’antica provincia di Septimania nell’VIII secolo, fu battezzato col nome di Smaragdo. Si fece monaco e nel 782 raggiunse il monastero di Aniano, di nuova fondazione. Qui prese il nome di Ardone e fu ordinato sacerdote. Da quel momento venne ricordato come Ardone di Aniano. Ardone (che i francesi chiamano Ardon) diresse la scuola del monastero (in epoca carolingia tutti i monasteri si dotarono di scuole, nelle quali venivano istruiti allievi di ogni condizione sociale). L’abate del monastero era s. Benedetto di Aniano, grande riformatore di abbazie (in pratica, le riportava alla serietà dell’osservanza della regola di fondazione). Il santo, per queste incombenze, doveva viaggiare spesso e portava come compagno il nostro Ardone. Sempre in compagnia del suo abate, Ardone prese parte al concilio di Francoforte del 794 e a quello di Aix-la-Chapelle nell’817. Quando morì Benedetto di Aniano, i monaci di Inda, che lo avevano avuto come abate, chiesero ad Ardone di scriverne la biografia, opera che il Nostro portò a termine nell’821. Avverte la severa «Bibliotheca Sanctorum» che in passato gli sono state attribuite anche opere che in verità appartengono al poeta coevo (e omonimo) Smaragdo di St. Mihiel. Non sappiamo quando morì.
www.rinocammilleri.com

Stampa Email