Arnold-Janssen

Arnold-JanssenNacque nel 1837 a Goch, in Germania, in una famiglia di undici figli. Studiò all’università di Bonn e poi nel seminario di Münster, dove nel 1861 fu ordinato sacerdote. Dopo un periodo come rettore di un convento, si appassionò alle missioni e creò un periodico d’informazione. Nel 1874 il vescovo di Hong Kong, Raimondi, lo spinse a fondare una congregazione. Ma infuriava il «Kulturkampf» (la persecuzione amministrativa anticattolica) e il Janssen fu costretto a trasferirsi in Olanda. Qui nel 1875 acquistò una casa a Steyl e vi creò la Società del Verbo Divino, i cui padri (Verbiti) sarebbero stati missionari. Dall’opera si sviluppò un complesso di edifici, una chiesa dedicata all’Arcangelo Michele e una tipografia da cui uscivano molteplici pubblicazioni. Tra i primi missionari inviati in Cina c’era il b. Joseph Freinademetz, di Bressanone. Col tempo sorsero altre case, presso Vienna, in Slesia, nella Saar, vicino a Salisburgo, un collegio a Roma e una casa addirittura nell’arcidiocesi di Chicago. I Verbiti si sparsero in America e in Africa. Il fondatore aggiunse loro le Serve dello Spirito Santo nel 1889 e, nel 1890, il loro ramo contemplativo. Benedetto per la sua opera dal papa s. Pio X nel 1907, morì due anni dopo.

© www.rinocammilleri.com

Stampa Email