Giovanni da Vercelli

Dovrebbe essere nato presso Vercelli all’incirca nel 1205, calcolando un po’ all’ingrosso per mancanza di dati precisi. Sulle cronache compare solo attorno al 1240 come priore dei domenicani nella stessa città. Descritto come un «ometto», fece carriera nel suo ordine e nel 1264 venne addirittura eletto maestro generale, il sesto della serie. La carica comportava spossanti viaggi in giro per i conventi domenicani di tutta Europa, compito che Giovanni eseguì a puntino. Nel 1271 il papa, il b. Gregorio X, incaricò l’ordine domenicano di far da paciere nei frequenti conflitti italiani, poi Giovanni fu inviato a far da mediatore tra Filippo III di Francia e Alfonso X di Castiglia. Il Nostro fu invitato anche a stilare lo schema-guida per il II Concilio di Lione. Per bonificare le zone in cui si era svolta la crociata contro gli albigesi, il papa affidò ancora a Giovanni da Vercelli il compito di diffondere il culto del Nome di Gesù, cosa che fu eseguita erigendo un altare apposito in ogni chiesa domenicana. Nel 1281 il generale dei domenicani dovette recarsi a Oxford, dove alcuni teologi stavano attaccando le dottrine di s. Tommaso d’Aquino. Fatta anche questa, Giovanni da Vercelli poté morirsene in pace nel 1283.
© www.rinocammilleri.com

Stampa Email