Paisij Velickovskij

SAN-PAISIO-VELICKOVSKIJQuesto russo nacque nel 1722 a Poltava e si chiamava Pëtr. Sua madre era ebrea e ciò lo rende unico nel panorama dei santi russi. Si iscrisse all’accademia teologica di Kiev ma non vi rimase a lungo. A lui interessava la mistica e un’unione più profonda con Dio. Perciò, per diverso tempo fece il giro di diversi monasteri in Ucraina e Moldavia ma senza trovare quel che andava cercando. Alla fine andò a stare sul Monte Athos, in Grecia, dove intendeva imparare la pratica dell’esicasmo (la cosiddetta «preghiera del cuore»). Qui nel 1750 prese i voti monastici col nome religioso di Paisij. Col tempo si radunò attorno a lui una comunità di discepoli, i quali si diedero alla raccolta, trascrizione e, quando serviva, traduzione dei trattati ascetici dell’Egitto, la Siria, la Palestina e Bisanzio. Nel 1758 il Velickovskij venne ordinato sacerdote e superiore dell’eremo che si era creato. In seguito, con i suoi monaci, si trasferì in Moldavia, dove il gruppo dimorò in diversi monasteri, fermandosi alla fine a Neamt: qui il santo morì nel 1794. Di Neamt era stato archimandrita (superiore) e fu lui a ripristinare lo «starcestvo» (gli «starcy» erano monaci direttori spirituali), poi continuato dai famosi monaci di Optina.
© www.rinocammilleri.com

Stampa Email