Bernardo Francisco de Hoyos

Bernardo-Francisco-de-HoyosBernardo Francisco de Hoyos nacque in Spagna nel 1711 e studiò nel collegio «imperiale» di Madrid, tenuto dai padri gesuiti. Era ancora imberbe quando chiese di poter entrare nella Compagnia di Gesù. Non lo presero, sia per la giovane età sia per la salute cagionevole. Ma col tempo la spuntò e, dopo il noviziato, fu mandato a Villa del Campo, in provincia di Cáceres, nell’Estremadura. Sopravvenne, come talvolta accade in questi casi, lo scoraggiamento, ma Bernardo tenne duro e superò anche il terribile anno in cui la peste si portò via un suo compagno e un insegnante. Nel 1731 lo spedirono a Valladolid perché studiasse la teologia. L’anno seguente lesse un libro sulla devozione al Cuore di Gesù che lo colpì profondamente. Comprese che il suo compito sarebbe stato diffondere il più possibile tale culto. Nel 1773 ebbe una conferma soprannaturale e scrisse il primo libro spagnolo sul tema, «Il tesoro nascosto». Diffuse santini e una novena, chiese l’appoggio dei vescovi e perfino del Re. Nel 1735 ricevette l’ordinazione sacerdotale, ma il suo sacerdozio non durò neanche un anno. Venne preso da febbre altissima e dovette mettersi a letto. Tifo. In capo a due settimane era morto. Aveva solo ventiquattro anni.
© www.rinocammilleri.com

Stampa Email