Joseph Aloysius Marmion

Si chiamava Joseph Aloysius Marmion, questo irlandese nato a Dublino nel 1858. Studiò nel seminario locale e nel 1881 venne ordinato sacerdote. Avrebbe voluto fare il missionario in Australia, ma durante un viaggio in Europa ebbe modo di visitare l’abbazia di Maredsous, appena fondata in Belgio. Il monastero lo affascinò moltissimo e lo indusse a chiedere il permesso di entrarvi. Rinunciò a una promettente carriera ecclesiastica e nel 1886 ottenne dal suo vescovo il nullaosta per partire. Assunse il nome religioso di Columba, in onore del santo irlandese omonimo. Dopo qualche anno di professione monastica fu mandato con alcuni confratelli a fondare l’abbazia di Mont-César a Lovanio, della quale finì col diventare priore. Nel 1909 venne eletto priore di Maredsous, nel frattempo diventata enorme e rinomatissima per gli studi che vi si effettuavano. L’abbazia comprendeva due scuole e una grande fattoria. Quando scoppiò la Grande Guerra e il Belgio venne invaso dai tedeschi, l’abate mandò i giovani monaci al sicuro in Irlanda, sottoponendosi personalmente a un faticoso e difficile andirivieni in piena guerra. Nel 1923 una nuova epidemia di influenza completò l’opera della famigerata «spagnola» e si portò via il Nostro.
© www.rinocammilleri.com

Stampa Email