Juan de Palafox y Mendoza

Questo spagnolo di nobile famiglia nacque a Fitero, in Navarra, nel 1601. Dopo gli studi all’università di Salamanca, nel 1629 venne ordinato sacerdote. Dieci anni dopo fu consacrato vescovo di Puebla de los Angeles (oggi semplicemente Puebla) in Messico. Qui rimase quasi quindici anni, sforzandosi di applicare le disposizioni del Concilio di Trento. In base a queste ultime, creò un seminario. Dal 1640 al 1642 dovette fare anche da Viceré, e fu una fortuna per gli indios, che lui proteggeva contro gli abusi degli spagnoli. Ma poi, per questioni di giurisdizione, si impelagò in una lunga disputa con i gesuiti che la Santa Sede dovette appianare (ma, per sicurezza, trasferì lui in Spagna, alla diocesi di Osma). Tornato in patria nel 1653, si diede molto da fare per promuovere la devozione delle Quarantore (lanciata da s. Antonio Maria Zaccaria) e la confraternita chiamata «Scuola di Cristo», creata dai Padri dell’Oratorio di s. Filippo Neri: questa riuniva laici e preti tre volte la settimana a scopo di culto e istruzione cristiana. La confraternita esiste ancora e considera il vescovo Palafox y Mendoza il suo fondatore in Spagna. Juan de Palafox y Mendoza scrisse anche molte opere teologiche. Morì nel 1659.
www.rinocammilleri.com

Stampa Email