Suor María Baldillou Bullit

Questa spagnola nacque a Balaguer, in diocesi di Lerida, nel 1905. Era la primogenita di una famiglia di operai e nel 1924 entrò nel noviziato scolopio (suore delle Scuole Pie Figlie di Maria) di Masnou, dalle parti di Barcellona. Nella foto sul documento di identità l’abito bianco e nero delle suore scolopie le lascia libero solo il volto, che è di una bellezza notevole (per giunta, tiene gli occhi bassi). Del resto, aveva solo trentun anni quando venne ammazzata. Suor María Baldillou Bullit pronunciò i voti nel 1927 e fu subito inviata a Valencia, dove la sua famiglia religiosa teneva un collegio femminile. Quella fu la prima e unica sua destinazione. Non essendo maestra, espletava il suo incarico alla mensa e come sorvegliante nel dormitorio. Ma tutte le volevano bene, sia le consorelle che le ragazze. Purtroppo, non tutti gli agiografi sono come il sottoscritto e nella biografia che ho sott’occhio gli slanci lirici si sprecano. A tutto detrimento dei fatti, per i quali, slancia oggi e slancia domani, finisce che non c’è più posto. Così, non posso dirvi come e qualmente fu trucidata sulla spiaggia del Saler l’8 agosto del 1936. C’era la guerra civile e la caccia dei rossi al prete. Ma questo già lo sapete.

© www.rinocamilleri.com

Stampa Email