Cristiani di massa (Tracce di Parola di Dio del 19.01.2017)

Le folle sono sempre un problema, anche quando sono mosse da motivi positivi. La folla dice massa, ma non sempre la massa fa bene alle singole persone che la compongono. Il cristianesimo non deve e non può mai essere ridotto a un fenomeno di massa, al massimo di popolo, cioè che anche fare con la gente reale, ma mai può sentirsi forte del suo essere folla. È Gesù stesso che ce ne parla nel vangelo di oggi. È così tanta la gente che lo segue che ad un certo punto chiede ai discepoli una soluzione: “Allora egli disse ai suoi discepoli di tenergli pronta una barca, a causa della folla, perché non lo schiacciassero. Infatti aveva guarito molti, cosicché quanti avevano qualche male si gettavano su di lui per toccarlo”. Quando il cristianesimo diventa massa allora rischia di schiacciare Gesù. E qual è la soluzione? Una barca dove possa salire e ripararsi. Immaginate che questa barca sia il silenzio di un tabernacolo, o un angolo della casa dove ci raccogliamo in preghiera, o un’azione di carità fatta nel silenzio. Queste barche che non ospitano masse salvano Cristo nella nostra vita. Dobbiamo sentirci forti di un pezzettino di barca personale che offriamo a Lui, più ancora che della grande tentazione di essere cristiani solo per abitudine di massa. Ma oggi è più trasgressivo andare a messa la domenica, perché le masse preferiscono i centri commerciali. Sii differente, almeno tu: trasgredisci. #dalvangelodioggi

About the Author

Don Luigi Maria Epicoco

Don Luigi Maria Epicoco

Luigi Maria Epicoco, nasce a MesAngeles (Mesagne per chi non parlasse inglese) nella provincia brindisina. Dopo aver litigato con la mafia locale è vincitore di un programma di copertura "testimoni". Da quel dì veste gli abiti di prete e vive a L'Aquila, beccando con tempismo perfetto il terremoto del 6 aprile 2009. Insegna filosofia confondendo le già provate intelligenze giovanili italiane e non. Parla diverse lingue sbagliando costantemente però i posti in cui parlarle. Non è sposato ma ha molti figli secondo la teoria che gli altri li fanno e lui deve crescerli. Ha un innato istinto al martirio ma nel frattempo si esercita martirizzando i suoi collaboratori e vicini di casa. Tra le sue doti uno sguardo metafisico. Tra i suoi difetti crede che il Vangelo sia un utopia possibile.

  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.