Cristo non ci protegge dalla paura ma dalla sua dittatura

di don Luigi Maria Epicoco

Cristo non ci protegge dalla paura ma dalla sua dittatura
"Non abbiate paura degli uomini...; non abbiate paura di quelli che uccidono il corpo...; Non abbiate dunque paura: voi valete". Il Vangelo di oggi pare un inno contro la paura. Mai come in questo periodo storico la paura è in realtà la chiave di tutto. E' attorno la paura che gira il mercato, la cultura, la politica. La paura del diverso, la paura di soffrire, la paura della morte, la paura del terrorismo, la paura di non farcela, la paura di essere abbandonati, la paura di non essere all'altezza....e potrei continuare ancora per pagine e pagine. Ma la domanda è: si può non aver paura? Nessuno può proteggerci dalla paura, nemmeno la fede. Ma il messaggio di Cristo è questo: Tu hai paura, ma ricordati che sei libero! E' questa memoria di libertà che ci fa decidere disobbedendo alle logiche della paura. Cristo crea in noi una logica alternativa che non ci protegge dalla paura ma dalla sua dittatura. Ho paura di amare, ma amo. Ho paura di ciò che mi aspetta ma lo affronto. Ho paura di ciò che è diverso ma accolgo. Ho paura di soffrire ma ci provo. Ho paura di morire ma vivo. Cristo è morto per questa nostra libertà. Il vero peccato è vivere come se non fossimo liberi per davvero. Sapere che Lui c'è veramente ci dà anche il coraggio di vivere diversamente. E per accorgerti che c'è veramente devi fare una cosa molto semplice: imparare a pregare. La preghiera è accorgersi che Lui c'è veramente. E questo fa la differenza. #dalvangelodioggi

Festa del S. Cuore 2017

Festa del S. Cuore 2017

Venerdì 23 giugno è la Solennità del Sacro Cuore di Gesù, patrono dell'Opera don Guanella e quindi anche della comunità religiosa di Ferentino. Alle 19 una solenne S.Messa animata dal coro darà il giusto significato a questo giorno. Se potete partecipate.

10 anni di Pastorale 3.0

10 anni di Pastorale 3.0

Da luglio 2007 la nostra Parrocchia ha iniziato l'esperienza di condividere la sua realtà (notizie, foto ecc...) nel mondo del web. Inizialmente con un sito di terzo livello appoggiato al server diocesano, e alcuni mesi dopo con uno spazio tutto suo. Poi facebook, dove abbiamo superato i 1000 like e Twitter dove, con quasi 2800 tweet abbiamo oltre 300 follower. Nel solo 2017 sul nostro portale web abbiamo ricevuto oltre 60.000 visite con oltre 238.000 pagine consultate. Dopo 10 anni di attività (portata avanti con entusiasmo da volontari naturalmente) possiamo dire di essere contenti e orgogliosi, convinti che anche così possiamo fare pastorale...una pastorale 3.0. Con l'occasione vi invitiamo a visitare il nostro sito http://www.parrocchiasantagata.com/ dove troverete molto materiale da consultare (nel menù in altro prendete la sezione rubriche e scegliete...buona navigazione! Ecco le nostre pagine social:

- https://www.facebook.com/ParrocchiaS.AgataFerentino/

- https://twitter.com/chiesasantagata

- https://plus.google.com/u/0/+ParrocchiaSantAgata

 

Gesù è venuto a dare pieno compimento alla Legge

di don Luigi Maria Epicoco

Gesù è venuto a dare pieno compimento alla Legge

"Non crediate che io sia venuto ad abolire la Legge o i Profeti; non sono venuto ad abolire, ma a dare pieno compimento". Se Gesù sente l'esigenza di dire ad alta voce l'ovvio, significa che ovvio non è. Infatti non di rado quando pensiamo alla proposta cristiana pensiamo a una sorta di "volemose bene" con basi teologiche. Mentre Cristo ci chiede un bene esigente, una vita al massimo, un carattere profondo, una umiltà realistica. Ciò significa che senza un metodo, senza "una legge", non andremo molto lontani. Ma dire che Lui è venuto a dare compimento significa dire che Lui è venuto a riconsegnarci il motivo per cui vale la pena stare dentro un sentiero, un metodo, un tentativo codificato. A noi questo delle volte manca, un "compimento", cioè un motivo valido per cui le cose che facciamo valgano la pena. Se non ti ricordi "per chi" o "per cosa" quello che fai vale, alla fine lo vivrai solo come sforzo, ma il cristianesimo non può essere la somma dei nostri sforzi, ma la memoria di un motivo per cui accettiamo anche gli sforzi. Tu l'hai capito questo motivo? Non rispondere velocemente, portati questa domanda lungo tutta questa giornata. #dalvangelodioggi