Alcmondo

  • Santi

Nel secolo VIII l’arcipelago britannico era diviso in piccoli regni, uno dei quali era la Northumbria. Alcmondo era figlio del re Alredo e fratello di Osredo. Verso il 774 il re suo padre venne mandato in esilio nella terra degli Scoti e Alcmondo lo seguì. L’usurpatore Eardulfo gli permise di tornare dopo sei anni, ma era un tranello e Alcmondo venne trucidato. Ma la storia è piuttosto confusa, dal momento che anche il fratello Osredo fu re, forse dopo la cacciata di Eardulfo e l’uccisione del legittimo erede al trono Alcmondo. Secondo un’altra tradizione Alcmondo cadde in battaglia contro i Sassoni, contro i quali era sceso in campo a fianco del governatore della Mercia. Ma c’è chi dice che Alcmondo fu ammazzato a tradimento proprio nel corso della campagnamilitare. La versione dell’omicidio proditorio è la più accreditata, visto che esiste un’ennesima variante della vicenda: pare che Alcmondo sia stato, sì, assassinato da traditori, ma quando si trovava ancora tra gli Scoti, dove sarebbe rimasto una ventina d’anni. Era molto amato dal popolo per la sua carità verso i poveri, che soccorreva con i suoi beni personali, e per la profonda religiosità cristiana. Fu sepolto a Lilleshall, nello Shropshire, poi fu portato a Derby.
© Il Giornale - www.rinocammilleri.com