"Suona Mozart, studia. La nuova vita monastica del Papa emerito"

  • Le parole del Papa

"Suona Mozart, studia. La nuova vita monastica del Papa emerito"
- di Gian Guido Vecchi, Il Corriere della Sera, 12 febbraio 2015 -

Eccellenza, sono passati due anni da quando Benedetto XVI annunciò la sua «rinuncia» al pontificato. Gli capita di parlarne?
Il Papa emerito come guarda, oggi, a quella scelta?
«Benedetto XVI è convinto che la decisione presa e comunicata si
a quella giusta. Non ne dubita. È serenissimo e certo di questo:
la sua decisione era necessaria, presa “dopo aver ripetutamente
esaminato la mia coscienza davanti a Dio”.
La consapevolezza che le forze del corpo e dell’animo venivano meno, di dover guardare non alla propria persona ma al bene della Chiesa. Le ragioni sono nella sua declaratio .
La Chiesa ha bisogno di un timoniere forte. Tutte le altre considerazioni e ipotesi sono sbagliate».

"Suona Mozart, studia. La nuova vita monastica del Papa emerito"
- di Gian Guido Vecchi, Il Corriere della Sera, 12 febbraio 2015 -

Eccellenza, sono passati due anni da quando Benedetto XVI annunciò la sua «rinuncia» al pontificato. Gli capita di parlarne?
Il Papa emerito come guarda, oggi, a quella scelta?
«Benedetto XVI è convinto che la decisione presa e comunicata si
a quella giusta. Non ne dubita. È serenissimo e certo di questo:
la sua decisione era necessaria, presa “dopo aver ripetutamente
esaminato la mia coscienza davanti a Dio”.
La consapevolezza che le forze del corpo e dell’animo venivano meno, di dover guardare non alla propria persona ma al bene della Chiesa. Le ragioni sono nella sua declaratio .
La Chiesa ha bisogno di un timoniere forte. Tutte le altre considerazioni e ipotesi sono sbagliate».