Padre Bonaventura da Ferentino,ofm + 1763

  • Cronicon

Il convento venne ricostruito e ingrandito nel 1723 da un "tal degnissimo Padre Bonaventura da Ferentino, chiamato uomo intraprendente e di saggi e lodevoli costumi, che al presente è provinciale del suo Ordine nella provincia d'Albania. Tal degnissimo Padre Bonaventura, si legge, era stato molti anni in Gerusalemme e nel 1700 era tornato con un ingente somma di denaro ed altro raccolto a Roma da principi e cardinali". Impiegò tutto per il nuovo edificio.
(Benedetto Catracchia)

P. Bonaventura di Ferentino o.f.m., fra di loro chiamato uomo intraprendente e di saggi lodevoli costumi che al presente (1762) è Provinciale del suo Ordine nella Provincia di Albania, il quale col suo ben acconcio spirito Ferentinate, ha saputo così ben introdursi nell'animo re di quelli suoi patrizi e cittadini di Ferentino, che mercè le copiose innumerevoli elemosine da quelli percette, ha fatto capire con esse quanto la pietà grande sia della città di Ferentino e quale la di cui attività sempre grande, mentre alla maggior gloria di Dio e del suo Ordine e decoro per ogni parte ben grande della città ha potuto in quel luogo far fabbricare un convento e Templo l'un l'altro sì ragguardevoli che di ogni altro di questa Romana Provincia non nascostamente inferiori di un punto anzi forse d'ugni altro migliore.
P. Giuseppe Maria Simbolotti (1762)

Morì nel convento di Sant'Agata in Ferentino, dove fu compianto da religiosi e cittadini, il 25 ottobre 1763, dopo essere stato definitore Provinciale e Ministro Provinciale in Albania. Fu benemerito del Convento di Sant'Agata per il quale molto si prodigò perchè venisse migliorato". (da Basili Andrea da Rocca di Papa, o.f.m. "Elenco dei Minori Provinciali dei Frati Minori dell'Alma Provincia Romana di S. Maria d'Aracoeli - manoscritto d'archivio del 1913, pagina 7).

"Dagli appunti e ricerche fatte dal Alberto Cedrone".

N.B. Non si tratta di  Padre Bonaventura Morosini vissuto a Ferentino e morto nel 1898 .