Editoriale mese settembre 2020

  • Cronicon

Settembre, con la sua annuale Festa del Crocifisso si sta per chiudere con un clima invernale da Festa dell'Immacolata. E' un periodo strano questo, fatto di mascherine, gel disinfettanti, ansie e preoccupazioni ed inevitabilmente questo si ripercuote anche sulla presenza in chiesa. Da sabato 5 settembre a sabato 12 abbiamo vissuto un periodo di preparazione che ci ha fatto riflettere quotidianamente sulla passione del Signore, poi il 13 giorno dell'Esposizione, l'emozione di ritrovare il Crocifisso esposto sull'Altare Maggiore. Riascoltare le parole dei nostri sacerdoti: don Calogero, don Aniello, don Lenoard, Don Salvatore Apreda, don Nico Rutigliano, Mons. Nino Di Stefano e il Vescovo Ambrogio. Un balsamo per l'anima! L'esposizione del Crocifisso (il 12 sera) è stata fatta a porte chiuse con l'aiuto di un gruppo di volontari mentre il 15 settembre la reposizione, per rendere l'operazione più veloce e visto il numero limitato di persone rimaste al termine della S.Messa, è avvenuta sotto gli occhi attenti e trepitanti dei fedeli parrocchiani. Un'emozione! 

Per tre sabati e tre domeniche consecutive abbiamo celebrate le Prime Comunioni dividendo i bambini in sei gruppi in modo da ridurre il più possibile gli assembramenti di persone. Anche questo è stata occasione di Festa ed in questo momento ne abbiamo bisogno. Abbiamo bisogno di normalità. Lo sappiamo bene però che non possiamo vivere come prima del Covid19. Dobbiamo essere responsabili ed ubbidienti alla regole per rendere basso il rischio di contagio, ma questo non vuol dire non uscire di casa e non partecipare alla vita della parrocchia! Quindi pian piano riprenderemo le nostre attività, adattandole ai nuovi comportamenti anti-covid.


 Una nota aggiuntiva è necessaria per la storia. Così come nel 2016 (per celebrare il Giubileo della Misericordia) e nel 2019 (per celebrare il 350° del simulacro) anche quest'anno il Crocifisso è stato esposto durantre la Settimana Santa. In questa occasione però  l'esposizione è durata lo stretto necessario per accompagnare i riti più importanti: il Triduo Pasquale (Giovedì Santo, Venerdì Santo, la cui liturgia è stata presieduta dal Vescovo, il Sabato Santo con il giorno di Pasqua. Le foto che abbiamo scattato in queste occasioni rendono bene la difficoltà e la tristezza nel celebrare a porte chiuse senza lo sguardo orante dei fedeli (le chiese erano ancora chiuse ai fedeli, sarebbero state riaperte solo Domenica 24 maggio!) 

  1. Mercoledì Santo, esposizione https://photos.app.goo.gl/Q1258bozh3SeFje88
  2. Venerdì Santo https://photos.app.goo.gl/ZSpPKBrdbV6r7NBw8
  3. Giorno di Pasqua https://photos.app.goo.gl/w7nCbHwVhGm7SbKb7
  4. Lunedì dell'Angelo, Reposizione https://photos.app.goo.gl/fr4KmoNa2vLXYbmx9